Apri un nuovo gruppo Cerca gruppi

ACCEDI

×

Proposta standard ripristinare il vuoto a rendere

accettata

Risultati

Problema e/o ostacoli

  • Ridurre il consumo di materie prime, (Vetro, PE, PET, alluminio, ecc), e rendere le campagne libere dalle discariche incontrollate riqualificando l'ambiente e creando coi proventi posti di lavoro.

  • con il ripristino del vuoto a rendere sul vetro si e' costretti a lasciare il deposito, quindi una maggiorazione provvisoria del costo
  • il costo "provvisorio" può essere ampiamente ripagato da una maggiore appettibilità del paesaggio che è un bene inestimabile per tutti i luoghi del mondo ma sopratutto per la nostra regione,

Da un'esperienza in Germania.

Sono stato a visitare dei parenti e ho notato con stupore che le bottiglie dell' acqua in plastica vengono riciclate negli stessi supermercati dove la si acquista. Sono rimasto allibito.

Il tutto funziona così: tu compri una o mille bottiglie d'acqua e paghi 10 centesimi a bottiglia. Quando poi riporti le bottiglie vuote e non schiacciate nel supermercato le introduci nel macchinario atto al riciclaggio.

A operazione finita premi il tasto di fine operazione che emette uno scontrino del valore delle bottiglie immesse. Es. 10cent x 10 bottiglie inserite, si avrà uno scontrino di 1 euro da utilizzare per la spesa da effettuare. Non si vede una bottiglia di plastica buttata per strada. Prendiamo esempio." da MoVimento 5 Stelle Firenze http://www.beppegrillo.it/2012/08/prendiamo_esemp.html

I2cGD7co-hU

Stakeholders (persone coinvolte)

Cittadini, produttori, grande industria

Requisiti della soluzione

Soluzione a basso costo per via della crisi, Miglioramento delle qualità organolettiche dell'acqua di rete per disincentivare l'utilizzo / consumo dell'acqua in bottiglia

esperienza simile coca cola

il ripristino del vuoto in ambito commerciale,(vedi bar ,ristroranti etc..)è stato riproposto dal gruppo coca cola:in sardegna gestito dalla ellenic,con pochi riscontri sia da parte dei consumatori sia dagli esercenti che dai distributori.secondo me si dovrebbe valutare l impatto che potrebbe avere la raccolta differenziata porta a porta unendola magari all utilizzo di aree di compostaggio e trasformazione che potrebbero nascere per dare oltre ad un servizio anche dei posti di lavoro .

Soluzione 1:

Inserire la cauzione da restituire

Inserire la cauzione da restituire con la resa dei vuoti che funzioni in automatico presso centri di raccolta pubblici o privati.

Descrizione della soluzione

Da un'esperienza in Germania.

Sono stato a visitare dei parenti e ho notato con stupore che le bottiglie dell' acqua in plastica vengono riciclate negli stessi supermercati dove la si acquista. Sono rimasto allibito.

Il tutto funziona così: tu compri una o mille bottiglie d'acqua e paghi 10 centesimi a bottiglia. Quando poi riporti le bottiglie vuote e non schiacciate nel supermercato le introduci nel macchinario atto al riciclaggio.

A operazione finita premi il tasto di fine operazione che emette uno scontrino del valore delle bottiglie immesse. Es. 10cent x 10 bottiglie inserite, si avrà uno scontrino di 1 euro da utilizzare per la spesa da effettuare. Non si vede una bottiglia di plastica buttata per strada. Prendiamo esempio." da MoVimento 5 Stelle Firenze http://www.beppegrillo.it/2012/08/prendiamo_esemp.html

I2cGD7co-hU

Brevi, sarebbe necessaria una legge e sopratutto una campagna d'informazione capillare che partisse dalle scuole.

Risorse necessarie e loro reperimento

Un primo stanziamento pubblico da restituire con gli utili legati alla vendita della materia prima da riutilizzare.

Aspetti etici, ambientali, sociali

In germania i vuoti a rendere sono significativamente meno inquinanti degli usa e getta; l'ammontare dei rifiuti è ridotto del 96% per il vetro e dell'80% con la plastica.

Un amico ci segnala:

" Tale macchinario ha funzionato per anni in Via Santa Maria Chiara (Pirri - Cagliari) presso il supermercato Sisa, ma era talmente tanto l'apporto dei cittadini che la macchina si guastava spesso. Punto a capo, queste tipo di operazioni devono essere obbligate per legge con forti sanzioni, purtroppo per noi Italiani, altrimenti non si ricava il tanto necessario a rendere appetibile il sistema nel suo insieme. Quindi le macchine devono esser in tutti i supermercati i grossi centri commerciali, nei piccoli paesi uno per quartiere fino ad arrivare ad uno anche nei paesi piccolissimi"

Attualmente è reperibile una proposta di legge molto generale (proposta di legge AC 3242 2010) http://www.camera.it/_dati/lavori/stampati/pdf/16PDL0034690.pdf

Il governo italiano ha tentato più volte di reintrodurre questo meccanismo in Italia, ma senza mai riuscire a centrare l'obiettivo, mentre alcuni operatori del settore, in particolare Consorzi e Comuni, hanno espresso la loro forte contrarietà, vedendo nella norma una minaccia a un sistema funzionante. D'altra parte, però, una misura di questo genere potrebbe essere un'interessante opportunità per un'ulteriore riduzione dei rifiuti.

In mancanza di normativa alcuni punti di vista:

Ettore Fortuna, Presidente di Mineracqua. "E' un sistema complesso di cui ci siamo già occupati in maniera scevra da condizionamenti anche guardando al modello tedesco dove è stata introdotta la legge. La difficoltà deriva dal mettere insieme diversi soggetti e dare vita a un sistema che presenta costi sia di impianto, sia di gestione, davvero notevoli. La nostra conclusione è che abbiamo un sistema Conai - Corepla che funziona perché raggiunge gli obiettivi di legge per raccolta e riciclo. Sarebbe quindi preferibile lavorare insieme per implementarlo sempre di più".

Alberto Frausin, Presidente AssoBirra. "Assobirra ha dati su temi del vuoto a rendere già eccellenti, sicuramente tra i migliori tra le categorie nazionali, perché la sensibilità delle industrie birrarie è da sempre molto alta sui temi ambientali. Oltre il 22% dei consumi di birra in Italia, infatti, avviene già con vuoti a rendere (fusti e vetro a rendere), un circolo virtuoso costruitosi anche senza l'intervento del legislatore. E un circolo virtuoso sui temi dei rifiuti oggi deve prevedere la combinazione di più azioni consone alla realtà in cui si agisce: dalla raccolta differenziata su cui Conai e i Comuni operano con successo in molte città d'Italia, al vuoto a rendere appunto. Occorre quindi cautela nell'applicare in Italia modelli che hanno successo in paesi profondamente diversi dal nostro per storia, territorio, struttura produttiva e distributiva, senza calcolare gli impatti ambientali che tali modelli avrebbero, per esempio, per le peculiarità logistiche del nostro sistema distributivo. Concludo con un invito, ai legislatori e non solo, a utilizzare gli strumenti quantitativi di misurazione approvati dall'Unione Europea, come il Life Cycle Assessment, per poter prendere decisioni su questi temi motivate su base oggettiva e scientifica. L'Europa misurerà il futuro delle scelte ambientali con tali strumenti e noi Italiani è proprio al futuro che dobbiamo guardare".

  • Il vetro presente è di gran lunga sufficente per il nostro fabbisogno, è una materia riciclabile per cui con la resa del vuoto si eliminerebbero le brutture che costellano le nostre campagne. Ne guadagneremo in paesaggio e salute.
  • L'utilizzo di questa modalità sensibilizzerebbe al riciclo di altri materiali.
  • I fondi raccolti con le cauzioni potrebbero favorire la creazione di posti di lavoro per la bonifica delle strade, attualmente invase dai rifiuti
  • Verrebbe incentivato il consumo di "eau de grifon" con conseguente minor inquinamento per il trasporto
  • Riduzione del pericolo di innesto incendi

discarica

Il vetro presente è di gran lunga sufficente per il nostro fabbisogno, è una materia riciclabile per cui con la resa del vuoto si eliminerebbero le brutture che costellano le nostre campagne. Ne guadagneremo in paesaggio e salute.

Aumento del costo delle bevande

Soluzione 2:

Inserire la cauzione da non restituire

Creare un fondo per il recupero delle discariche non autorizzate.

Descrizione della soluzione

Questo paragrafo non è ancora stato compilato. Aiuta l'autore inserendo un contributo!

Questo paragrafo non è ancora stato compilato. Aiuta l'autore inserendo un contributo!

Risorse necessarie e loro reperimento

Alimentare un fondo trasparente con le cauzioni

Aspetti etici, ambientali, sociali

In germania i vuoti a rendere sono significativamente meno inquinanti degli usa e getta; l'ammontare dei rifiuti è ridotto del 96% per il vetro e dell'80% con la plastica.

Attualmente è reperibile una proposta di legge molto generale (proposta di legge AC 3242 2010) http://www.camera.it/_dati/lavori/stampati/pdf/16PDL0034690.pdf

Il governo italiano ha tentato più volte di reintrodurre questo meccanismo in Italia, ma senza mai riuscire a centrare l'obiettivo, mentre alcuni operatori del settore, in particolare Consorzi e Comuni, hanno espresso la loro forte contrarietà, vedendo nella norma una minaccia a un sistema funzionante. D'altra parte, però, una misura di questo genere potrebbe essere un'interessante opportunità per un'ulteriore riduzione dei rifiuti.

In mancanza di normativa alcuni punti di vista:

Ettore Fortuna, Presidente di Mineracqua. "E' un sistema complesso di cui ci siamo già occupati in maniera scevra da condizionamenti anche guardando al modello tedesco dove è stata introdotta la legge. La difficoltà deriva dal mettere insieme diversi soggetti e dare vita a un sistema che presenta costi sia di impianto, sia di gestione, davvero notevoli. La nostra conclusione è che abbiamo un sistema Conai - Corepla che funziona perché raggiunge gli obiettivi di legge per raccolta e riciclo. Sarebbe quindi preferibile lavorare insieme per implementarlo sempre di più".

Alberto Frausin, Presidente AssoBirra. "Assobirra ha dati su temi del vuoto a rendere già eccellenti, sicuramente tra i migliori tra le categorie nazionali, perché la sensibilità delle industrie birrarie è da sempre molto alta sui temi ambientali. Oltre il 22% dei consumi di birra in Italia, infatti, avviene già con vuoti a rendere (fusti e vetro a rendere), un circolo virtuoso costruitosi anche senza l'intervento del legislatore. E un circolo virtuoso sui temi dei rifiuti oggi deve prevedere la combinazione di più azioni consone alla realtà in cui si agisce: dalla raccolta differenziata su cui Conai e i Comuni operano con successo in molte città d'Italia, al vuoto a rendere appunto. Occorre quindi cautela nell'applicare in Italia modelli che hanno successo in paesi profondamente diversi dal nostro per storia, territorio, struttura produttiva e distributiva, senza calcolare gli impatti ambientali che tali modelli avrebbero, per esempio, per le peculiarità logistiche del nostro sistema distributivo. Concludo con un invito, ai legislatori e non solo, a utilizzare gli strumenti quantitativi di misurazione approvati dall'Unione Europea, come il Life Cycle Assessment, per poter prendere decisioni su questi temi motivate su base oggettiva e scientifica. L'Europa misurerà il futuro delle scelte ambientali con tali strumenti e noi Italiani è proprio al futuro che dobbiamo guardare".

  • Il vetro presente è di gran lunga sufficente per il nostro fabbisogno, è una materia riciclabile per cui con la resa del vuoto si eliminerebbero le brutture che costellano le nostre campagne. Ne guadagneremo in paesaggio e salute.
  • L'utilizzo di questa modalità sensibilizzerebbe al riciclo di altri materiali.
  • I fondi raccolti con le cauzioni potrebbero favorire la creazione di posti di lavoro per la bonifica delle strade, attualmente invase dai rifiuti
  • Verrebbe incentivato il consumo di "eau de grifon" con conseguente minor inquinamento per il trasportoRiduzione del pericolo di innesto incendi
  • il vuoto a rendere sarebbe educativo (ci mostrerebbe la quantità di materiale che utilizziamo) oltre che necessario.

Aumento del costo delle bevande


Caricamento contributi...

Marca il contributo

Puoi indicare ai redattori della proposta che questo contributo non contiene informazioni rilevanti o un sostegno per trovare una soluzione alla proposta.
Se il contributo viene marcato 3 volte, i redattori della proposta potranno eliminarlo dalla discussione ed inserirlo nella cartella dei contributi "rumorosi".

Non attinente alla discussione o non costruttivo
Duplicato

Segnala il contributo

Puoi indicare ai webmaster che tale contributo viola le leggi attualmente in vigore.
Una volta appurata la violazione il contributo verrà rimosso.Non abusare di questo strumento.

Contenuti commerciali o spam
Pornografia o materiale a carattere esplicitamente sessuale
Incitamento all'odio o violenza
Materiale protetto da copyright
×
Europe
America
Asia
Africa
Oceania
  • Europe
  • France
  • Hungary
  • Italy
  • Deutschland
  • România
  • España
  • Portugal
  • Greece
  • United Kingdom
  • Ireland
  • Serbia (Cyrillic)
  • Serbia (Latin)
  • Serbo-Croatian
  • Bosnian
  • Montenegrin (Latin)
  • Russia
  • USA
  • Brasil
  • Ecuador
  • Chile
  • Argentina
  • Indonesia
  • 中国
  • South Africa
  • Australia
  • New Zealand
×
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more