Apri un nuovo gruppo Cerca gruppi

ACCEDI

×

T I S A

"T I S A"

il patto internazionale SEGRETO può aggravare il pericolo di trasporto merci su strada nell'Unione europea. L'accordo sul commercio dei servizi di negoziazione cinquanta paesi, con gli Stati Uniti e l'Unione europea a testa di liberalizzare l'uso di conducenti e veicoli provenienti da paesi che non rispettano gli standard di sicurezza o di lavoro, che sarà in pericolo la sicurezza stradale di tutti i paesi firmatari, tra cui anche la Spagna.

 


CARLOS ENRIQUE BAYO 
tableroglobal
Obiettivo: liberalizzare i servizi di trasporto a tutti i costi. Anche se la mancanza di regolamentazione mette a repentaglio la sicurezza stradale dei cittadini dei paesi firmatari. Questo è ciò che significa il contenuto dell'allegato strada trasporto merci e logistica servizi annessi, che è in fase di negoziazione in completa segretezza da centinaia di paesi in tutto il mondo, guidati dagli Stati Uniti e l'Unione europea nel commercio dei servizi contratto (TISA) che Wikileaks è riuscito a scoprire una collaborazione internazionale con dodici media e le istituzioni di diversi paesi, tra cui pubblico rigorosamente esclusivamente per la Spagna. In questo nuovo lancio mondiale di Wikileaks ha coinvolto, oltre pubblica, la Süddeutsche Zeitung (Germania), L'Espresso (Italia), Libération e Mediapart (Francia), Il Centro per giornalismo investigativo e la Federazione internazionale dei lavoratori dei trasporti ( Regno Unito), il Forum on Globalization, Servizi pubblici internazionali, OWINFS e Friends of the Earth (USA) e CIPER (Cile).

 

 

Condizioni subumane per camionisti
Secondo l'analisi del contenuto del presente allegato, la Tisa fatta da Mac Urata e Sarah Finke ITF Wikileaks, il trattato non solo di consolidare il potere di trasporto di grandi dimensioni multinazionali, ma anche aumentare le pressioni economiche e commerciali che sono già esercitanti -customers le grandi imprese transnazionali oltre quei governi che cercano di proteggere i loro piccole e medie imprese. Ma ancora più gravi sono le conseguenze. In questo momento, camionisti dell'est Europa e in altre regioni dell'Eurasia che lavorano nel settore del trasporto stradale nell'Unione europea sono già in condizioni di lavoro disumane, salari bassi indecentemente ricarica circa (perché vivono e lavorano nei paesi occidentali, ma sono pagati a seconda del livello di vita dei loro paesi d'origine) che richiedono loro di fare interminabili giorni e risiedono nei loro veicoli, in condizioni insalubri nel grande camion su strada o in pieno campo. Una realtà drammatica che ha bisogno precisamente maggiore liberalizzazione ... non riprodotto in altre parti del mondo, come accadrebbe se è entrato in vigore Tisa, tale accordo commerciale internazionale segreto che fornisce anche rimanere nascosta dal controllo pubblico e parlamentari dei paesi stessi firmatari fino a cinque anni dalla sua entrata in vigore.

 

Tisa assumerebbe vettori di paesi con bassa protezione del lavoro e la mancanza di controlli sulla sicurezza dei veicoli; una nuova minaccia per il traffico stradale
Tutto questo influisce e attualmente in pericolo di trasporto su strada nell'Unione europea, come uno dei principali fattori di rischio di traffico stradale è la stanchezza del guidatore e l'inesperienza dei piloti professionisti, che sono spesso ignari della lingua e fino Segnali stradali paesi di circolante. Pertanto, l'ulteriore liberalizzazione di tali servizi, che consentirebbe contraenti vettori di paesi a tutela del lavoro basso e la mancanza di controlli sulla sicurezza dei veicoli sarebbe certamente una nuova minaccia per il traffico stradale. Inoltre, la posizione dell'Australia riflette nel L'articolo 2 dell'allegato è particolarmente preoccupante, dal momento che il piombo di locazione gratuita di tutti i tipi di driver, anche autonomo, con i propri camion o furgoni per il trasporto merci in altri paesi. Qualcosa che avrebbe presentato gravi sociale, ambientale e della sicurezza nei paesi in cui avrebbe funzionato. Inoltre, la sezione fornisce accelerare il rilascio dei permessi di soggiorno di fino a un anno per i conducenti professionali dimostra le intenzioni dei negoziatori che le aziende possono importare driver per servizio in paesi sconosciuti. Non vi è alcuna ragione oggettiva possibile per garantire che lo sviluppo di questo tipo di servizio, fatta salva la possibilità di professionalmente ed economicamente sfruttare i lavoratori provenienti da paesi poveri.

 

Il trattato stabilisce come priorità gli interessi delle grandi imprese, oltre l'ambiente, diritti del lavoro e anche la sicurezza
Inoltre, l'allegato non si preoccupa affatto di alcune questioni ambientali e poca sicurezza in generale. Invece, avverte che gli standard di sicurezza "non potrebbero essere più restrittive del necessario", che non può essere stabilita in ogni paese "regole del traffico inappropriato" Qualunque cosa sia ciò che intendiamo dire che e- che in ogni caso, la priorità deve essere data "per la consegna puntuale delle merci, per impedire il deterioramento". Vale a dire, tutto ciò che conta per i negoziatori di questa parte del patto segreto Tisa è quello di tutelare gli interessi delle grandi imprese trasporti, senza preoccuparsi di tutela dei diritti del lavoro e dei lavoratori, anche la sicurezza della circolazione stradale. Qualcosa che si aggiunge alla disposizioni analoghe nei capitoli dedicati al contratto di trasporto marittimo e di altri servizi di consegna merci, l'aggiunta di alcuni effetti indesiderati più che sulle infrastrutture e servizi pubblici nei paesi firmatari esistente. Con la Tisa, cinquanta i paesi che controllano i due terzi dell'economia del pianeta stanno creando un mostro ... e lo fanno di nascosto, nascosto dal controllo pubblico.  

 

http://www.publico.es/internacional/pacto-internacional-secreto-tisa-agravara.html

Commenti precedenti...
Europe
America
Asia
Africa
Oceania
  • Europe
  • France
  • Hungary
  • Italy
  • Deutschland
  • România
  • España
  • Portugal
  • Greece
  • United Kingdom
  • Ireland
  • Serbia (Cyrillic)
  • Serbia (Latin)
  • Serbo-Croatian
  • Bosnian
  • Montenegrin (Latin)
  • Russia
  • USA
  • Brasil
  • Ecuador
  • Chile
  • Argentina
  • Indonesia
  • 中国
  • South Africa
  • Australia
  • New Zealand
×
Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. Learn more